LetraSoffio di lucidità

Claver Gold

Última atualização em: 25 de Julho de 2019
Nenhuma tradução disponívelNenhuma tradução disponível
Detectamos alguns problemas
Chiara Servino sugeriu alterações para esta letra.

Guardarsi indietro è come perdersi di vista, nella mischia, ritrovarsi con la faccia su una pista, con le braccia nelle braccia dell'amore a prima vista. A lei serve un'analista che la salvi e la capisca. La vita è una bisca clandestina C'ho scommesso la mia stima, l'insuccesso d'ogni rima ma all'inferno cambia il clima. Il compromesso che non ho accettato già da prima altrimenti troveresti la mia faccia in copertina, su riviste e su giornali, qui non conta quanto vali sono tutti buoni amici quando paghi e quando sali, quando cadi poi diventano rapporti occasionali e quelle pacche sulla spalla si trasformano in pugnali. Non ho alibi neanche ali qui, per volare non mi basterà fumare thc, va così, io non riesco più a trovare verità, cerco pace in questo vento e scovo un soffio di lucidità. RIT. Io che ho preteso sempre più da questa vita, ma 'sta vita poi mi ha steso ed ho ripreso la matita disegnandone i tuoi tratti a scatti dentro una notte assopita, schiuma di birra assorbita ma la storia mo' è finita. Sta roba scende in gola amara E non mi cala mica, avrei voluto trasformarti in una cara amica, calamità di un guaio sceso nel gelo a gennaio sopra il mio cuore d'acciaio venne la tua calamita, che mi trascina a riva dove il mare non arriva, dove le notti sanno solo di sesso e saliva. Lei che non mi capiva, lei che mi sminuiva, nei giorni in cui l'ho uccisa solo per vederla viva. Hey! Batti un colpo se mi stai ascoltando, sei l'ultimo tango a Bolo Gold One –Brando Io non trovò più la verità, cerco pace in questo vento e scovo un soffio di lucidità. RIT. E adesso voglio tutti i soldi che mi hanno promesso, voglio la grana, non la fama o il tuo finto successo. Spesso patetica la metrica di pance sazie, io batto in helvetica 'ste rime e non cerco "grazie". Nemmeno "prego" 'ue compare, tutto regolare? Annego nel mare d'amare e lego tutto all'anulare, se tengo fede a 'sta cultura che da tempo mi ha donato un lume quando ho perso la lucidità. Ahh! Tu fammi veglia nell'ombra dei fossi, risplendi come l'alba lacrimando ad occhi rossi, alcuni li ho lasciati scossi, depressi e commossi, vieni nei pressi poi dimmi... Chi pensavi che io fossi?! Mossi i miei passi nei cipressi bassi cimiteri, amici morti, qua i racconti sono tutti veri. Lo so che speri che 'sto vento spazzi via la mia malattia mentre scovo un soffio di follia. RIT.

Nenhuma tradução disponívelNenhuma tradução disponível
  • 0

Atividades mais recentes

Sincronizada porOttavio Mannarino

Musixmatch para Spotify e
iTunes agora está disponível para
seu computador

Baixe agora